MOBILITA’ E AUTONOMIA

Avere la possibilità di muoversi in autonomia in ambienti interni ed esterni è un presupposto fondamentale per la vita di relazione, per lo studio, l’attività lavorativa e lo svago.
A tal fine, è fondamentale evidenziare alcuni punti chiave relativi ad un concetto più ampio di “Mobilità e “Accessibilità”.
Per mobilità autonoma si intende la possibilità, per le persone disabili, di spostarsi nell’ambiente senza accompagnatore, usufruendo, con garanzie di sicurezza, anche di tutti i mezzi pubblici di trasporto, al fine di svolgere le attività della vita quotidiana, di mantenere rapporti interpersonali e di fruire dei beni della natura, dell’arte e della cultura in ogni sua forma. I presupposti per rendere effettiva la mobilità autonoma sono: l’acquisizione di precise competenze da parte del fruitore, l’adeguamento dell’ambiente fisico, la sensibilizzazione della società e la promozione di una cultura della mobilità. Per spostarsi in sicurezza, la persona disabile necessita di un ambiente fisico compatibile con le proprie potenzialità.
La qualità dello spazio pedonale poggia su quattro pilastri:
l’accessibilità, la sicurezza d’uso, il comfort e la  comunicatività ambientale. Conoscere e comprendere le specifiche abilità delle persone (relative alle caratteristiche fisiche, alle capacità sensoriali e al contesto culturale in cui vivono), diventa condizione indispensabile per affrontare con consapevolezza i processi di trasformazione degli habitat. “Accessibilità”, infatti, è anche partecipazione, inclusione sociale, autonomia e indipendenza.

MOBILITA’ E AUTONOMIA

Avere la possibilità di muoversi in autonomia in ambienti interni ed esterni è un presupposto fondamentale per la vita di relazione, per lo studio, l’attività lavorativa e lo svago.
A tal fine, è fondamentale evidenziare alcuni punti chiave relativi ad un concetto più ampio di “Mobilità e “Accessibilità”.
Per mobilità autonoma si intende la possibilità, per le persone disabili, di spostarsi nell’ambiente senza accompagnatore, usufruendo, con garanzie di sicurezza, anche di tutti i mezzi pubblici di trasporto, al fine di svolgere le attività della vita quotidiana, di mantenere rapporti interpersonali e di fruire dei beni della natura, dell’arte e della cultura in ogni sua forma. I presupposti per rendere effettiva la mobilità autonoma sono: l’acquisizione di precise competenze da parte del fruitore, l’adeguamento dell’ambiente fisico, la sensibilizzazione della società e la promozione di una cultura della mobilità. Per spostarsi in sicurezza, la persona disabile necessita di un ambiente fisico compatibile con le proprie potenzialità.
La qualità dello spazio pedonale poggia su quattro pilastri: 
l’accessibilità, la sicurezza d’uso, il comfort e la  comunicatività ambientale. Conoscere e comprendere le specifiche abilità delle persone (relative alle caratteristiche fisiche, alle capacità sensoriali e al contesto culturale in cui vivono), diventa condizione indispensabile per affrontare con consapevolezza i processi di trasformazione degli habitat. “Accessibilità”, infatti, è anche partecipazione, inclusione sociale, autonomia e indipendenza.